21 Maggio 2018

Gli sprechi negli ospedali piemontesi

Ogni giorno nei nostri ospedali c’è uno spreco di cibo che impatta direttamente sui conti pubblici. La percentuale stimata è attorno al 40%, anche se in moltissimi casi la metà degli alimenti nei vassoi finisce puntualmente nella spazzatura: uno spreco spaventoso di cibo, ma anche di soldi, se pensiamo che un pasto in corsia costa tra i 13 e i 18 euro e in Italia abbiamo una media di 12 milioni di ricoveri l’anno.

L’indagine sul campo più completa è stata fatta nella regione piemontese, dove per 48 settimane consecutive un gruppo di medici e di nutrizionisti ha misurato la quantità dei pasti sprecati in 35 reparti di 13 strutture sanitarie della regione. Il totale fa paura: 3 milioni di euro sprecati.

Ma come si potrebbe risolvere questo problema?

  • Innanzitutto, utilizzando gli appalti. Le forniture dei pasti ospedalieri, infatti, dovrebbero centralizzarsi a livello regionale, come già avviene in alcune zone dell’Italia (ad esempio Emilia Romagna).
  • Inoltre, potrebbe essere molto utile l'inserimento di un controllo sia sulla qualità del cibo sia sugli orari di distribuzione dei vassoi con i pasti. Infatti, troppi cibi distribuiti negli ospedali sono immangiabili, e in molte strutture sanitarie essi vengono addirittura serviti alle 6 del pomeriggio, un orario a cui i pazienti non sono di certo abituati.

Lucia Franco

Sprechi negli ospedali: la metà dei pasti finisce nella spazzatura


Autore:Lucia