18 Dicembre 2019

I viaggi del 2020 saranno #zerosprechi

Il 2020 sarà l'anno dei viaggi #zerosprechi ed eco-friendly.
Questo è quanto emerge dalle previsioni di Pinterest, che nel report Pinterest 100, ha pubblciato una selezione delle tendenze che ci aspettano nei prossimi mesi. Le parole d'ordine sono turismo responsabile ed attenzione all'ambietne.

Fra gli utenti del social le ricerche a tema viaggio eco-friendly sono salite del 73% e quelle per le città "verdi" del 47%. Si valutano modi alternativi di godersi le vacanze: aumentano le gite da fine settimana nei dintorni di casa senza abusare degli aerei (weekend staycation, 38%) e l'agriturismo in senso ampio ( 57%). Per la notte, invece del solito hotel si punta su ecolodge, case sugli alberi e strutture simili ( 31%).

Una menzione speciale meritano i viaggi in treno: complici le diverse promozioni di cui i giovani possono usufruire con viaggi come l'Interrail, che è un biglietto ferroviario, disponibile ai residenti europei, che permette viaggi illimitati su treni di seconda (o anche prima per gli over 26) classe verso o all'interno dei paesi europei partecipanti per un certo periodo di tempo.

I viaggiatori coscienziosi si informano quindi su come abbattere la loro impronta di carbonio (ricerche salite 86%) e su cosa portarsi dietro in valigia per ridurre a zero sprechi e rifiuti ( 48%). Ecco perchè soprattutto nei viaggi zaino in spalla si prediligono pochi indumenti, saponette, e meno oggetti in plastica.

Pinterest ha individuato un altro trend in forte crescita: il desiderio di riconnettersi alla natura, prendendosi una pausa da display e scrivanie per dedicarsi ad attività all'aria aperta. Le ricerche a tema "nature travel" sono aumentate del 253%, quelle sulla pesca nei laghi del 274%, quelle su come andare a caccia di minerali del 185%, quelle sulle tecniche di sopravvivenza nei boschi del 1.069%, quelle sull'aurora boreale del 90%.

In ascesa poi l'interesse verso l'abbigliamento da trekking ( 194%) da usare sia durante le escursioni sia in città, le gabbie per i conigli ( 191%) e i mobili bar da giardino ( 2.795%).

Una volta arrivati a destinazione, cresce sempre di più il trend che vede i viaggiatori scegliere ristoranti non turistici. Prestare attenzione all’ambiente è il modo migliore per entrare anche in contatto con la cultura e le tradizioni del Paese che si sta visitando. Curiosare tra mercatini e fare la spesa in negozi che vendono prodotti locali è il bello dei viaggi, e fa assaporare l’atmosfera, i profumi e i gusti del posto così come preferire ristoranti, locali e street food che servono piatti tipici, prodotti con materie prime a km 0.

viaggiatori nella natura

La pesca sostenibile è possibile: come e perchè farla


Autore:Azzurra

Proseguendo la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Privacy Policy Ho capito