La sporca verità sulla carenza di manodopera dell'industria dei rifiuti

Carenza Di Manodopera Dell'industria Dei Rifiuti

Chuck Stiles è direttore della divisione rifiuti solidi e riciclaggio del sindacato Teamsters negli Stati Uniti

Egli ha portato luce sulla delicatissima questione della "carenza di manodopera" nel settore privato dei rifiuti spiegando che il vero problema dell'industria è lo sfruttamento e nient'altro. Le aziende di rifiuti come Republic Services e Waste Management vogliono che il pubblico pensi che ci sia una carenza di manodopera. La verità è che non è una carenza di manodopera - è una carenza di salari, benefici e diritti dei lavoratori.

La lotta per i lavoratori dei rifiuti è in corso da 40 anni. Decenni di consolidamento hanno eroso l'industria della nettezza urbana, e "Big Trash" ha offerto ai lavoratori poca tregua o rispetto. Le aziende dei rifiuti sostengono che non ci sono abbastanza lavoratori, ma è un tentativo disperato di salvare la faccia e nascondere la dura verità: i lavoratori dei rifiuti e del riciclaggio stanno lasciando l'industria perché sono stanchi della mancanza di rispetto e delle cattive condizioni di lavoro.

Come maggiore rappresentante dei lavoratori privati dei rifiuti in Nord America, i Teamsters sanno che la cosiddetta carenza di manodopera è un risultato diretto delle aziende che antepongono il profitto alle persone. La differenza che la sindacalizzazione fa nell'industria dei rifiuti è chiara. Quando si tratta di questioni di sicurezza, di salari e di benefici, i lavoratori del sindacato sono in grado di chiedere il loro valore e di ritenere le aziende responsabili.

Senza un sindacato, i lavoratori sono dipendenti a tempo indeterminato e non hanno la paga, i benefici e le protezioni delle loro controparti sindacali. Questo è uno dei motivi per cui molti lavoratori non sindacali stanno lasciando completamente il settore per nuove linee di lavoro. Gli autisti di rifiuti sono lavoratori altamente qualificati e di talento. Sono anche molto richiesti da innumerevoli aziende che cercano lavoratori esperti con una patente commerciale.

Se non ci sono incentivi per i lavoratori dei rifiuti, perché dovrebbero continuare a lavorare a basso salario, ad alto rischio e con pochi benefici? Perché non dovrebbero cercare nuove opportunità di lavoro in cui il loro lavoro è valutato e il loro duro lavoro è apprezzato?

I lavoratori dei rifiuti sono lavoratori essenziali. Non servono solo in prima linea, sono la prima linea - mantenendo le comunità pulite prevengono la diffusione di molteplici tipi di malattie. Lavorano in posti pericolosi preservando la salute pubblica.

In tutto il paese, si sta vedendo l'impatto negativo del consolidamento nell'industria privata dei rifiuti. Anni di fusioni e acquisizioni non hanno reso le condizioni di lavoro più sicure o più eque, e sicuramente non sono andate a beneficio del benessere dei lavoratori. Piuttosto che concentrarsi su un altro anno di profitti record e avidità a breve termine, le aziende di rifiuti dovrebbero investire nei loro lavoratori. Questo significa investire nella sicurezza e in migliori condizioni di lavoro. Il successo a lungo termine sarà una vittoria per tutti, compresi gli azionisti. Permetterà anche a queste aziende di attrarre nuovi talenti e mantenere una forza lavoro affidabile e impegnata.

La grande bugia che le aziende devono tagliare i costi per essere competitive non ha più peso. Competere con chi? Dopo decenni di consolidamento, Big Trash ha acquisito o demolito la concorrenza. L'industria privata dei rifiuti è un'oligarchia; i profitti sono in aumento e gli stipendi dei dirigenti non sono mai stati così alti.

Nel frattempo, la spazzatura si sta accumulando e i lavoratori dei rifiuti sono più impegnati che mai. Attualmente, i lavoratori di Republic a New Orleans stanno prendendo posizione contro il tentativo dell'azienda di tagliare i salari di alcuni dei suoi lavoratori di più lunga data. Il sindacato ha anche dovuto sporgere denuncia per diffusi guasti alle attrezzature e camion difettosi nell'impianto di New Orleans. A peggiorare le cose, i problemi sono arrivati sulla scia dell'uragano Ida, mentre i Teamsters del Local 270 stavano coraggiosamente servendo la comunità e guidando lo sforzo di pulizia.

Che si tratti di un disastro naturale o di una pandemia globale, la risposta è sempre la stessa: i lavoratori dei rifiuti vanno al lavoro e portano a termine il lavoro, mentre le aziende trovano nuovi modi per tagliare gli angoli e aumentare i loro profitti.

Puoi biasimare i lavoratori dei rifiuti statunitensi perché vogliono lasciare l'industria privata dei rifiuti? Perché qualcuno dovrebbe voler rischiare la propria vita per lavorare in queste condizioni?

In alcuni casi, anche i membri di Teamsters ne hanno avuto abbastanza e hanno lasciato l'industria. Jerome Westpoint, un autista di Atlanta di lunga data, ha recentemente lasciato il suo lavoro alla Republic dopo più di 40 anni di lavoro nel settore sanitario. Mi ha detto che si considererà sempre orgogliosamente uno "spazzino", nonostante ora lavori in un altro settore rappresentato dai Teamster. Purtroppo, dopo aver trascorso tutta la sua vita lavorativa fino a questo punto come autista di spazzatura, Jerome ha sentito di non avere altra scelta che lasciare l'azienda. Ha detto che è stata la decisione migliore per lui e per la sua famiglia.

I lavoratori dei rifiuti fanno parte di una tradizione orgogliosa. È un peccato che molti datori di lavoro non riconoscano il loro orgoglio e il loro sacrificio. Se lo facessero, forse capirebbero che il vero problema non sono i loro lavoratori, ma lo sfruttamento dei lavoratori.

Non deve essere così. Le aziende di rifiuti devono smettere di chiamarla "carenza di manodopera" e iniziare a riconoscere che si tratta di una carenza di salari, benefici e rispetto.

Condividi questo articolo:

Articoli simili: