20 Giugno 2018

Sprechi alimentari: in Italia 2,7 milioni di persone non hanno cibo

Sono sempre più allarmanti gli ultimi dati forniti da Coldiretti sulla povertà alimentare in Italia. Secondo l’associazione, infatti, nel 2017 ben 2,7 milioni di italiani sono stati costretti a domandare aiuto per poter mangiare con regolarità, mediante mense dei poveri o pacchi alimentari.

Un dato evidentemente drammatico, che si accompagna all’evidenza che tra le categorie più deboli spiccano purtroppo i bambini (sono 455 mila sotto i 15 anni quelli in difficoltà) e gli anziani (sono 200 mila quelli sopra i 65 anni).

Secondo un’altra indagine, sempre di Coldiretti, nel 2017 ben tre italiani su quattro hanno posto in essere strategie per poter ridurre o eliminare gli sprechi alimentari, che tuttavia continuano ad essere particolarmente significativi, e ammontano oggi a un valore intorno ai 16 miliardi di euro.

Sempre in riferimento agli sprechi domestici, Coldiretti afferma che questi rappresentano il 54% del totale, e sono superiori a quelli riscontrabili nella ristorazione (21%), nella distribuzione commerciale (15%), nell’agricoltura (8%) e nella trasformazione (2%) per un totale di oltre 16 miliardi di euro che ogni anno finiscono nel cestino della spazzatura. Un problema non solamente etico, quanto anche con fortissime ripercussioni sul piano economico e ambientale, a causa dell’evidente impatto negativo sul dispendio energetico e sullo smaltimento dei rifiuti.

cibo


Autore:Roberto