08 Luglio 2020

Addio sprechi: conservare il cibo con gli imballaggi a cera d'api

La pellicola per alimenti, come quella in alluminio, risulta essere un grande alleato in cucina.


Sono comodi e ci permettono di preservare e conservare il cibo isolandolo dal contatto con l’aria, evitandone le muffe o la prolificazione di microbi e batteri nocivi per il nostro l’organismo. Possiamo proteggere gli alimenti e farli durare più a lungo.


C’è un però. Lo sapevate che mediamente in Italia si consumano 4 fogli di pellicola o alluminio al giorno? Tirando le somme il numero che ne risulta è di gran lunga elevato.

Dovremmo quindi conservare i nostri cibi a scapito dell’ambiente alimentando un inquinamento, quello della plastica, che già è abbastanza grande da arginare.

Fortunatamente esiste, da qualche anno, una soluzione totalmente eco sostenibile, un alternativa del tutto naturale agli involucri di plastica. Parliamo dei fogli per l’imballaggio a cera d’ape con i quali possiamo dire addio agli imballaggi non ecologici: la carta paraffinata, i sacchetti per il congelatore, i contenitori in plastica e così via.


Idea totalmente rivoluzionaria per i seguenti benefici:

  • durevoli;
  • multiuso;
  • modellabili;
  • antisettici;
  • sigillanti;
  • biodegradabili.

In poche parole, sono perfetti.


Sul mercato ci sono diverse case di produzione, tra cui anche Italiane, che producono questo tipo di fazzoletti in cera d'api.

Di base i fazzoletti in cera d’api sono realizzati in tessuto con fibra in cotone biologico che viene trattato con altri materiali naturali come la cera d’api. Alcuni utilizzano anche la resina di pino e l’olio di jojoba, per aiutare il tessuto ad essere malleabile e impermeabile.


A differenza dei tradizionali fogli di pellicola, questi possono essere riutilizzabili -100 volte per singolo foglio- e non inquinano. Possono essere lavati con acqua e una spugnetta.


Risulta essere un ottimo alleato per la conservazione del cibo, mantenendolo fresco più a lungo perché sono traspiranti. Spesso consigliati per prodotti come pane o derivati, che grazie alla caratteristica della traspirabilità, evitano che l’umidità penetri all’interno rendendo l’alimento molle e da buttare via, senza alcuna formazione di condensa.

Lasciano, quindi, i prodotti freschi e in buone condizioni.

Come si utilizzano gli involucri in cera d’ape?


Il fazzoletto in cera d'api che si presenta inizialmente semi rigido, va riscaldato modellandolo con le mani. In questo modo la cera d’api di scalda e rende il foglio morbido e modellabile adattandosi alle varie forme, a seconda delle nostre necessità. Una volta sistemato il nostro prodotto nel frigorifero, i fazzoletti di cera d’api tornano ad essere rigidi rimanendo nella forma che gli abbiamo dato


La combinazione della cera con gli olii e resine naturali ha un effetto antibatterico che aiuta la conservazione del cibo.

fazzoletti in cera d'ape, contro sprechi alimentari e l'inquinamento

Niente fragole a dicembre: meno sprechi con la spesa stagionale


Autore:Valentina

Proseguendo la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Privacy Policy Ho capito