11 Ottobre 2017

Sprechi acqua, in Italia servono 5 miliardi di euro annui per combatte

Combattere gli sprechi di acqua in Italia? Una finalità lodevole, ma per poter contenere le perdite nelle reti e per poter realizzare delle efficaci infrastrutture di depurazione dell’acqua occorre un investimento di circa 5 miliardi di euro l’anno.

A sostenerlo è il vicepresidente di Utilitalia, Mauro D’Ascenzi, parlando con i giornalisti qualche giorno fa al Festival dell’Acqua, a Bari, aggiungendo che un simile investimento “provocherebbe decine e decine di migliaia di posti di lavoro, oltre a sistemare tutta la situazione ambientale, non solo la risorsa acqua. Ne beneficerebbe tutto l’ambiente”.

D’Ascenzi ha poi sottolineato che per poter affrontare le conseguenze dei cambiamenti climatici che stanno mettendo a dura prova le riserve idriche, bisogna tenere conto di tre regole: “tenere l’acqua quando arriva per rilasciarla quando serve, poi distribuirla a tutti, equamente, senza perderla per strada; e infine recuperarla e restituirla alla natura almeno come ce l’ha data”.

Dietro tale scenario, precisa poi il vicepresidente, c’è comunque molto da fare, poiché i cambiamenti climatici fanno sì che vi siano lunghi periodi di siccità alternati alle c.d. “bombe d’acqua”.

“Allora dobbiamo cominciare a pensare che le bombe d’acqua possono essere nostre amiche. Cioè dobbiamo impedire che facciano danni con sistemi di regimentazioni, e di dighe, una parola che ora è difficile da pronunciare” – ha ulteriormente aggiunto, concludendo che “poi ci sono le tubature: se perdono, sprechiamo la risorsa quando ce n'è bisogno. Quindi bisogna rifarle (…) Ed infine bisogna depurare l’acqua per adoperarla depurata sia ad usi agricoli sia industriali”.

acqua

Sprechi acqua, tra infrastrutture decadenti e multe europee


Autore:Roberto