Requisiti osha l'industria dei rifiuti e del riciclaggio si prepara alla richiesta

Requisiti Osha Per Industria Dei Rifiuti

Le organizzazioni dell'industria dei rifiuti e del riciclaggio stanno incoraggiando i datori di lavoro con 100 o più lavoratori a prepararsi per i regolatori federali a richiedere le vaccinazioni COVID-19 o i parametri di test settimanali, anche con l'attuazione e l'applicazione in attesa a causa delle sfide legali.

L'OSHA all'inizio di questo mese ha emesso il suo lungamente atteso.atteso, dettagliato standard temporaneo di emergenza (ETS) inteso a proteggere gli U.Stati Uniti dal coronavirus, con una scadenza di conformità del 4 gennaio 2022. Poco dopo, la Corte d'Appello del 5° Circuito degli Stati Uniti Circuit Court of Appeals , e lla settimana scorsa il 6° U.S. Circuit Court of Appeals è stato selezionato tramite lotteria per ascoltare la sfida multidistrettuale. Il ritardo non è stato una sorpresa; a settembre, circa la metà degli stati hanno detto che avrebbero fatto causa al governo federale sul previsto mandato. Inoltre, la maggior parte delle precedenti istanze di OSHA di utilizzo dell'autorità ETS sono state contestate.

Mentre i requisiti sono in attesa, i rappresentanti dell'industria stanno lavorando per comprendere meglio l'ETS e i suoi aspetti che potrebbero influenzare la sua attuazione per alcuni tipi di rifiuti e lavoratori del riciclaggio.

Per esempio, l'ETS nota non si applicano ai dipendenti che lavorano esclusivamente all'aperto. All'interno del settore, il lavoro nelle discariche o nella raccolta può avere la maggiore esposizione esterna, mentre il lavoro negli MRF o negli impianti WTE può comportare una maggiore esposizione interna.

"L'ETS li esclude dallo standard se trascorrono solo una quantità 'de minimus' del loro tempo all'interno di un ufficio o di un'altra struttura", ha scritto il CEO della Solid Waste Association of North America David Biderman in una e-mail nella settimana successiva alla sospensione iniziale. "Come l'OSHA definisce il 'de minimus' determinerà probabilmente se questi lavoratori, così come i conducenti di veicoli di raccolta che non usano aiutanti, come i caricatori laterali automatizzati e i carrelli scarrabili, sono soggetti allo standard. Alcune aziende hanno informato SWANA che stanno valutando se alcuni dei loro autisti possono essere esentati dall'ETS", ha scritto.

Kirk Sander, vice presidente della sicurezza e degli standard presso la National Waste & Recycling Association, ha notato che "non tutti gli standard OSHA possono affrontare ogni singola situazione", e che rimangono domande su quanti minuti o ore, o quale percentuale di una giornata di lavoro, un lavoratore deve essere all'aperto rispetto al chiuso per essere considerato esente dai requisiti.

"La maggior parte delle aziende con cui ho parlato stanno operando con [l'idea] che probabilmente questo entrerà in vigore, o qualche forma di questo entrerà in vigore," e stanno "capendo in quale categoria rientrano i loro dipendenti, come hanno intenzione di monitorare tutto questo," ha detto Sander.

Il mandato OSHA metterebbe i datori di lavoro privati più alla pari con molti grandi comuni che hanno avuto requisiti di vaccinazione o test in atto per settimane. L'applicazione non è stata priva di difficoltà, con l'emergere di rapporti su decine di lavoratori del settore sanitario di New York City accusati di aver falsificato le registrazioni delle vaccinazioni per soddisfare i requisiti.

In generale, le organizzazioni di categoria continuano a incoraggiare le vaccinazioni e consigliano ai datori di lavoro di essere attrezzati per alcuni requisiti federali che a un certo punto arriveranno. E l'American Medical Association e altre voci leader nel settore sanitario la scorsa settimana hanno esortato le aziende che rientrano nell'OSHA ETS, nonostante i blocchi stradali per l'attuazione, a "non ritardare l'attuazione di questo standard".

"Siamo solo in un posto strano perché questa sospensione è stata messa dal tribunale. Lo stiamo guardando tutti, ma è una buona idea essere preparati e avere già il piano pronto, ma rafforzarlo in base a questo nuovo standard temporaneo d'emergenza", ha detto Tony Smith, vice presidente della sicurezza all'Istituto delle industrie di riciclaggio dei rottami.

Viste le limitazioni del lavoro per i datori di lavoro del settore dei rifiuti, alcuni hanno suggerito che la mossa dell'OSHA non è popolare. "Questo non è un momento in cui il governo ha bisogno di esercitare ulteriori pressioni in un ambiente già limitato", ha detto Waste Connections CEO Worthing Jackman durante la più recente chiamata dei guadagni della società alla fine di ottobre, una settimana prima che l'ETS venisse fuori.

Ancora, l'azienda ha detto che sarebbe stata a guardare per ulteriori dettagli e numerosi altri hanno anche suggerito che stanno seguendo il consiglio di prepararsi di conseguenza.

Covanta Chief Human Resource Officer Ginny Angilello ha detto in una dichiarazione inviata via e-mail che l'azienda sta "attivamente implementando le politiche necessarie per proteggere i nostri dipendenti dal COVID-19," che include "lo sviluppo di un'adeguata infrastruttura di test e il monitoraggio del vaccino."

Nel frattempo, il direttore di Waste Management degli affari esterni Janette Micelli ha detto in una dichiarazione inviata via email che mentre l'azienda attende "fulteriore chiarezza da queste sfide giudiziarie, WM sta prendendo tutte le misure necessarie per garantire la conformità con l'OSHA ETS, compresi i test settimanali richiesti per i non vaccinati, entro il 4 gennaio. 4 data di entrata in vigore".

Parimenti, il direttore delle comunicazioni aziendali di Rumpke Waste & Recycling, Amanda Pratt, ha dichiarato che il team interno di risposta al coronavirus dell'azienda "sta conducendo una ricerca per prepararsi al meglio a implementare qualsiasi cambiamento necessario per garantire la conformità."

Un portavoce di Republic Services ha detto la scorsa settimana che l'azienda non era "in grado di rispondere in questo momento."

Secondo Waste Pro Vice President of Human Resources Shannon Early, l'azienda sta continuando a lavorare verso la raccolta di informazioni sullo stato di vaccinazione dei dipendenti, con un'enfasi a breve termine sugli appaltatori federali, per i quali un mandato di vaccinazione rimane intatto. A Waste Pro, Early ha stimato che il numero di dipendenti che rientrano in quella categoria è di un paio di centinaia (su una forza lavoro a livello aziendale vicina ai 4.000).

Ma nel complesso, Early ha riassunto i pensieri di molti altri operatori del settore. "Sfortunatamente, è un gioco di attesa."

Condividi questo articolo:

Articoli simili: