24 Novembre 2016

Premio Non Sprecare 2016, ecco i vincitori

Come ogni anno, anche nel 2016 la LUISS Guido Carli ha premiato i cinque migliori progetti contro lo spreco nell’ambito del progetto Premio Non Sprecare. Ma quali sono stati?

Nella categoria Scuole, a vincere è La scuola che fa scuola, un progetto didattico di Rimini che punta a promuovere un cambiamento condiviso, all’insegna di un futuro rispettoso dell’ambiente e di un’economia più equa, sensibile e responsabile. Nella stessa categoria è stato menzionato l’Istituto Tecnico per il Turismo Livia Bottardi di Roma, con il progetto Da scarti della frutta a fertilizzante per l'orto, che prevede che mediante un compostatore elettromeccanico, gli scarti della frutta vengano trasformati in un fertilizzante naturale da utilizzare per la concimazione dell'orto.

Nella categoria Associazioni e Istituzioni vince l’Associazione Effetto Palla onlus per il suo impegno ad aiutare tutti gli animali abbandonati e vittime di maltrattamenti. Nella categoria Giovani, vince invece la Start up Vega Electronis, con il progetto Smartphoners, una particolare app che premia chi guida in maniera intelligente, corretta e responsabile. Nella categoria Aziende vince la Lucart SpA con il progetto Tetra Pak, il progetto di Lucart Group per non sprecare questo materiale.

Infine, nella categoria Personaggio vince Antonella Agnoli per – si legge nella motivazione – “la passione visionaria, l'impegno costante e il lavoro sul campo, con l'obiettivo di aprire biblioteche, in tutta Italia, come luoghi magici della conoscenza ma innanzitutto della voglia di stare insieme”.

non sprecare

Sprechi alimentari, cosa il progetto Reduce


Autore:Roberto