24 Novembre 2016

Premio Non Sprecare 2016, ecco i vincitori

Come ogni anno, anche nel 2016 la LUISS Guido Carli ha premiato i cinque migliori progetti contro lo spreco nell’ambito del progetto Premio Non Sprecare. Ma quali sono stati?

Nella categoria Scuole, a vincere è La scuola che fa scuola, un progetto didattico di Rimini che punta a promuovere un cambiamento condiviso, all’insegna di un futuro rispettoso dell’ambiente e di un’economia più equa, sensibile e responsabile. Nella stessa categoria è stato menzionato l’Istituto Tecnico per il Turismo Livia Bottardi di Roma, con il progetto Da scarti della frutta a fertilizzante per l'orto, che prevede che mediante un compostatore elettromeccanico, gli scarti della frutta vengano trasformati in un fertilizzante naturale da utilizzare per la concimazione dell'orto.

Nella categoria Associazioni e Istituzioni vince l’Associazione Effetto Palla onlus per il suo impegno ad aiutare tutti gli animali abbandonati e vittime di maltrattamenti. Nella categoria Giovani, vince invece la Start up Vega Electronis, con il progetto Smartphoners, una particolare app che premia chi guida in maniera intelligente, corretta e responsabile. Nella categoria Aziende vince la Lucart SpA con il progetto Tetra Pak, il progetto di Lucart Group per non sprecare questo materiale.

Infine, nella categoria Personaggio vince Antonella Agnoli per – si legge nella motivazione – “la passione visionaria, l'impegno costante e il lavoro sul campo, con l'obiettivo di aprire biblioteche, in tutta Italia, come luoghi magici della conoscenza ma innanzitutto della voglia di stare insieme”.

non sprecare

Sprechi alimentari, cosa è il progetto Reduce


Autore:Roberto