La strategia di riciclaggio dell'EPA economia circolare e giustizia ambientale

La Strategia Di Riciclaggio

L'U.S. EPA ha rilasciato lunedì la sua National Recycling Strategy, una tabella di marcia su come il paese mira a raggiungere un tasso di riciclaggio del 50% entro il 2030.

La versione finale, rilasciata in occasione dell'America Recycles Day, include cinque obiettivi principali per fare progressi oltre l'attuale tasso del 32%. Questi includono il miglioramento dei mercati per i riciclabili, l'aumento e il miglioramento della raccolta, la riduzione della contaminazione nel flusso e la creazione di politiche con un approccio più olistico, di economia circolare che vanno oltre il sistema di riciclaggio. Chiede anche di standardizzare le pratiche di misurazione e di aumentare la raccolta dei dati necessari per raggiungere l'obiettivo.

La strategia nazionale di riciclaggio è un aggiornamento molto atteso e molto più dettagliato della bozza della strategia di riciclaggio dell'EPA, che l'agenzia ha rilasciato per la prima volta durante l'amministrazione Trump nel 2020. Ecco alcuni spunti dall'annuncio:

C'è una nuova enfasi sul pensiero dell'economia circolare e sulla giustizia ambientale

Un importante cambiamento rispetto alla bozza è la nuova enfasi del piano su considerazioni di economia circolare. Cita un nuovo obiettivo di ridurre gli impatti climatici della "produzione, consumo, uso e smaltimento dei materiali", che secondo il documento costituisce circa la metà delle emissioni globali di gas serra (GHG). Questo obiettivo andrà di pari passo con l'impegno del presidente Joe Biden di raggiungere una riduzione dal 50% al 52% delle emissioni nette di gas serra a livello economico rispetto ai livelli del 2005 entro il 2030.

Nel documento strategico, l'EPA ha tracciato le connessioni tra il raggiungimento di un economia circolare e la giustizia ambientale, dicendo che i due obiettivi sono collegati come basi per creare sistemi di riciclaggio che sono "riparativi o rigenerativi per progettazione", ha aggiunto Regan in una nota che introduce il rapporto.

La giustizia ambientale è un altro degli sforzi chiave dell'amministrazione Biden ed è una delle principali priorità dell'amministratore dell'EPA Michael Regan. La bozza del documento non includeva alcuna menzione della giustizia ambientale o di come i sistemi di rifiuti e riciclaggio possano avere un impatto sulle popolazioni sovraccariche, ma la versione rilasciata lunedì riconosce che "la gestione dei rifiuti è stata a lungo associata al movimento di giustizia ambientale" almeno dagli anni '80. Sottolinea che i progetti infrastrutturali, di ricerca e di miglioramento devono coinvolgere le parti interessate delle comunità a basso reddito o della cosiddetta "giustizia ambientale".

"Mentre andiamo avanti con questa strategia, l'EPA si impegna a garantire che le comunità storicamente poco servite e sovraccaricate partecipino ai benefici che il nostro lavoro offrirà", ha detto Regan in una dichiarazione dopo il rilascio del piano.

Regan ha aggiunto che il piano è destinato ad allinearsi con gli investimenti delineati nella nuova legge sulle infrastrutture, che include circa 350 milioni di dollari in disposizioni relative al riciclaggiodisposizioni relative "destinate ad aiutare a trasformare il riciclaggio e la gestione dei rifiuti solidi in tutto il paese, creando posti di lavoro e rafforzando la nostra economia."

L'agenzia ha detto che la National Recycling Strategy è solo un pezzo di questa più ampia visione dell'economia circolare, chiamando il documento "parte uno" di una serie a più fasi per raggiungere una vasta gamma di obiettivi ambientali.

"Ci rendiamo conto che non possiamo riciclare la nostra via d'uscita dai problemi ambientali. Non è sufficiente per ottenere gli impatti ambientali che dobbiamo raggiungere", ha detto Carlton Waterhouse, vice amministratore aggiunto dell'EPA per l'Ufficio della gestione del territorio e delle emergenze, durante un evento dell'America Recycles Day ospitato dall'Istituto delle industrie di riciclaggio dei rottami.

In una dichiarazione, il presidente dell'ISRI Robin Wiener ha applaudito il piano, dicendo che "nota che il riciclaggio è una parte - o uno degli strumenti - di un'infrastruttura di gestione dei materiali di successo, e dà priorità sia alla domanda di mercato per le materie prime riciclate sia all'importanza critica di progettare prodotti per la riciclabilità."

David Biderman, CEO della Solid Waste Association of North America, ha detto in una dichiarazione di essere lieto di vedere "che l'EPA ha ampliato la bozza della strategia nazionale di riciclaggio per includere il cambiamento climatico, la giustizia ambientale e altri argomenti."

Dopo la delibera, il riciclaggio chimico viene menzionato nel piano

La versione finale del piano fa un nuovo riferimento al riciclaggio chimico come possibile strategia di diversione dei rifiuti, un dettaglio che non era menzionato nella versione provvisoria del piano. Il processo utilizza tecniche come la pirolisi per rompere la plastica fino al suo livello molecolare per essere utilizzato per nuovi prodotti di plastica o combustibili.

E' anche menzionato insieme a discariche, inceneritori, stazioni di trasferimento e MRF come infrastruttura che l'EPA intende studiare per determinare se tali operazioni possono avere un impatto sproporzionato sulle comunità di giustizia ambientale.

L'American Chemistry Council (ACC) ha applaudito l'inclusione del riciclaggio chimico nel piano. Joshua Baca, vicepresidente dell'ACC per la plastica, ha detto in una dichiarazione che la sua inclusione nel piano permetterà di "trasformare i tassi di riciclaggio della plastica negli Stati Uniti" e ha definito il metodo "fondamentale per raggiungere un'economia più circolare per la plastica". ACC ha lavorato per in diversi stati quest'anno, ma gli oppositori della pratica, molti dei quali rappresentano gruppi ambientalisti, dicono che i processi utilizzati per scomporre la plastica al loro livello molecolare non sono il giusto approccio e possono anche avere effetti dannosi sulle comunità vicine.

L'EPA ha detto che "molte" parti interessate hanno presentato commenti sull'opportunità di includere il riciclaggio chimico nell'ambito della strategia. "Tutte le opzioni, compreso il riciclaggio chimico, dovrebbero essere discusse quando si considerano i metodi per la gestione sostenibile dei materiali. Pertanto, il riciclaggio chimico fa parte dell'ambito di questa strategia e ulteriori discussioni sono benvenute", ha detto l'agenzia nel documento.

Da qualche parte nel documento, l'EPA ha nominato numerosi altri driver politici come degni di future ricerche e analisi, inclusi i requisiti di contenuto riciclato, il take-back, le bollette sulle bottiglie, l'EPR, le tasse sugli imballaggi, le tasse sulle discariche, i modelli pay-as-you-throw e gli standard minimi di qualità per gli MRF. "I governi e altri enti hanno adottato diversi approcci politici per affrontare le sfide del sistema di riciclaggio. Condurre un'analisi delle diverse politiche per la loro efficacia potrebbe aiutare a informare i decisori a livello nazionale", ha detto.

L'EPA deve ancora creare linee guida per misurare e monitorare i progressi

Il documento strategico del 2021 non offre un piano per misurare o tracciare l'obiettivo del 2030, ma offre dei passi su come l'agenzia prevede di stabilire le importanti definizioni e pratiche di misurazione relative al riciclaggio di cui ha bisogno. L'EPA prevede di lavorare con le parti interessate per creare metodi di misurazione più coerenti per tracciare le prestazioni del riciclaggio. "La misurazione costituisce il fondamento del raggiungimento dell'obiettivo nazionale del riciclaggio", si legge nel rapporto. "Diverse definizioni e pratiche di misurazione creano sfide per fissare gli obiettivi e monitorare i progressi".

La lista delle cose da fare include la creazione di definizioni di riciclaggio, la decisione di obiettivi e indicatori di performance, e il coordinamento degli sforzi di misurazione nazionali e internazionali. Chiede anche di migliorare la trasparenza sulla raccolta e la condivisione dei dati relativi al riciclaggio.

Il rapporto non offre una tempistica per spuntare queste voci dalla lista, ma una nota a piè di pagina nel piano riconosce che l'EPA potrebbe "emettere una guida aggiornata per la misurazione del riciclaggio nel 2022 e poi valuterà l'obiettivo nazionale di riciclaggio".

I temi dello sviluppo del mercato, della contaminazione e delle infrastrutture rimangono intatti dalla bozza del 2020

Quando l'EPA ha rivelato la sua bozza di strategia nazionale nel 2020, ha abbozzato tre obiettivi principali: ridurre la contaminazione, aumentare l'efficienza della lavorazione e migliorare i mercati. Il documento finale della strategia nazionale offre maggiori dettagli su come raggiungere questi obiettivi.

La sezione sulla contaminazione della strategia del 2021 è simile a quella che l'EPA ha proposto per la prima volta nel 2020, offrendo idee come una migliore educazione al riciclaggio dei cittadini, lo sviluppo di messaggi comuni sul riciclaggio e l'evitare etichette fuorvianti.

Nello sforzo di migliorare la raccolta e la gestione dei materiali, l'EPA ha ribadito gli obiettivi della bozza, come la creazione di una mappa nazionale delle infrastrutture di riciclaggio esistenti per raffigurare la capacità del sistema di riciclaggio disponibile, conducendo poi una valutazione dei bisogni per colmare le lacune. Ha anche ribadito la necessità di maggiori finanziamenti pubblici e privati per la R&D e i miglioramenti delle infrastrutture, e ha chiesto idee creative per rendere più efficienti le operazioni di trattamento degli MRF.

Per rafforzare i mercati, suggerisce di condurre workshop di sviluppo del mercato "per stimolare lo sviluppo del mercato per i materiali riciclati", così come la ricerca di opportunità correlate per le comunità rurali e il sostegno alle organizzazioni e agli enti che aiutano a formare i mercati a livello regionale.

C'è molto di più da fare

L'EPA sta fatturando la National Recycling Strategy come un punto di partenza per uno sforzo più ampio per affrontare il cambiamento climatico da più punti di vista. La strategia menziona anche i piani dell'agenzia per coordinarsi con altre agenzie federali e parti interessate per rilasciare "strategie successive" oltre il riciclaggio. La sezione del piano appendice elenca numerose agenzie federali e altre parti interessate che potrebbero essere coinvolte.

L'EPA ha già un obiettivo di ridurre i rifiuti alimentari del 50% entro il 2030, che ha recentemente aggiornato per allinearsi alle linee guida internazionali. Ora ha anche in programma di creare un obiettivo separato di riduzione dell'impatto climatico per esaminare come il consumo di materiali influisce sul cambiamento climatico. Inoltre, l'agenzia ha promesso altri lavori in argomenti come:

  • Progettazione di prodotti sostenibili
  • Riduzione della produzione di rifiuti
  • Strategie di riutilizzo
  • Strategie per altri "materiali chiave" come la plastica, il cibo, il cemento e il calcestruzzo e l'elettronica.

La Strategia Nazionale di Riciclaggio "non dovrebbe essere vista come una fine, ma solo come un inizio", ha detto Waterhouse, aggiungendo che è il primo passo di una serie di politiche destinate "ad affrontare alcune delle nostre più grandi sfide ambientali."

Condividi questo articolo:

Articoli simili: