25 Novembre 2020

Rebo, la prima bottiglia che pulisce il nostro Pianeta

Si chiama Rebo ed è una bottiglia speciale creata della start-up italiana fondata da Fabio Mancini, Francesco Abbate, Eduardo Atamoros e Pierandrea Quarta (ceo). Essa, infatti, si distingue da tutte le altre bottiglie per essere la prima bottiglia di acciaio intelligente che pulisce il nostro Pianeta a ogni sorso.

Rebo, la prima bottiglia in acciaio inossidabile intelligente

La prima bottiglia in acciaio inossidabile intelligente, appunto Rebo, ha una capacità di 600 ml e ha una speciale tecnologia incorporata nel tappo che permette di tenere conto dell’acqua che ogni utente beve nel corso della giornata e, connettendosi a un’app sul cellulare, rilascia crediti per pagare il costo della raccolta di rifiuti plastici nei paesi più poveri. I crediti vengono quindi certificati dal partner GoldStandard mediante la blockchain, e consentono di emettere dei certificati verdi che sono impiegati esclusivamente con questo scopo e che per ogni bottiglia Rebo bevuta ce ne sia un’altra di plastica che viene recuperata.

Come nasce il progetto

L’idea nasce da alcuni ex studenti dell’Università Bocconi e consente di dare un importante contributo al contrasto dell’inquinamento da plastica e ridurre gli sprechi. Fin da subito la sua vendita ha registrato un boom di vendite. Si calcola 500 bottiglie nelle prime 24 ore.

E tu cosa aspetti? Acquista anche tu la tua bottiglia e salva il nostro Pianeta!

L.F.

Rebo, la prima bottiglia che pulisce il nostro Pianeta

Plastica: in Italia beviamo 8,4 mld di bottiglie di plastica


Autore:Lucia

Proseguendo la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Privacy Policy Ho capito