Nuovi requisiti di sostenibilità per gli impianti di cogenerazione a biomassa e gli impianti di biogas

Nuovi Requisiti Di Sostenibilità

Gli operatori di impianti di cogenerazione a biomassa (BMHKW) e di grandi impianti di biogas perderanno il loro diritto alla compensazione EEG dal 1° gennaio 2022 se la biomassa utilizzata da quella data in poi non è prodotta e certificata in modo sostenibile. Anche se i regolamenti non sono ancora stati promulgati legalmente, a causa della notifica della relativa ordinanza, i gestori di impianti interessati devono aspettarsi che i requisiti siano "armati".

Cosa cambia e per chi?

I requisiti di sostenibilità erano precedentemente regolati solo per la biomassa liquida nell'ordinanza sulla sostenibilità dell'elettricità da biomassa (BioSt-NachV). Il campo di applicazione è ora esteso alla biomassa solida e gassosa. Questo riguarda gli impianti di cogenerazione con una potenza termica nominale totale di più di 20 MW e gli impianti di biogas con una potenza termica nominale totale di più di 2 MW. Per calcolare la potenza termica nominale totale, tutte le caldaie o le unità di cogenerazione dell'impianto sono generalmente combinate. Le cosiddette unità di cogenerazione satellitari, che vengono alimentate tramite una "lunga" conduttura di biogas e vengono fatturate separatamente dall'operatore di rete, possono anche essere considerate indipendentemente per quanto riguarda i requisiti di sostenibilità.

.

Secondo la nuova BioSt-NachV, la biomassa utilizzata nei BMHKW e negli impianti di biogas interessati deve soddisfare i requisiti dell'ordinanza per quanto riguarda l'origine, la produzione e la raccolta dal 1.1.2022. Questo si applica in linea di principio a tutti gli impianti di cogenerazione e agli impianti di biogas, indipendentemente dalla data di messa in funzione. Per gli impianti messi in funzione dall'1.1.2021 in poi, si deve raggiungere anche una riduzione di gas serra calcolata del 70%; per la messa in funzione dal 2026 in poi, la quota aumenta all'80%. Inoltre, un rapporto deve essere presentato al registro dei dati principali del mercato. Se i requisiti non sono soddisfatti, c'è il rischio che il diritto alla compensazione EEG venga meno.

>

Requisiti per la biomassa forestale e agricola

.

I requisiti del BioSt-NachV per la biomassa forestale sono particolarmente rilevanti per i BMHP. Il requisito minimo è che le attività di raccolta siano legali e che la rigenerazione forestale sostenibile abbia luogo sulle aree raccolte. Inoltre, le aree designate per la conservazione della natura devono essere protette. La raccolta del legname deve rispettare la qualità del suolo e la biodiversità, e le attività di raccolta non devono mettere in pericolo l'esistenza a lungo termine della foresta.

Per gli impianti di biogas, i requisiti del BioSt-NachV per la biomassa agricola sono particolarmente rilevanti. La biomassa non deve provenire da aree con un alto valore di biodiversità. Si tratta di aree che sono state classificate come aree boschive, come prati ad alta biodiversità o come aree che servono alla conservazione della natura ad una data di riferimento nel gennaio 2008 o ad una data successiva. In pratica, sarà spesso problematico che questo stato alla data di riferimento sia difficile da determinare oggi. Eccezionalmente, può essere utilizzata la biomassa proveniente da aree che servono a scopi di conservazione della natura, a condizione che la coltivazione della biomassa non sia dimostrabilmente in conflitto con gli scopi di conservazione della natura. La biomassa può anche non provenire da aree che erano classificate come zone umide o aree di foresta continua al momento di riferimento o successivamente e hanno perso questo status nel momento in cui la biomassa viene coltivata e raccolta. In linea di principio, la biomassa non deve nemmeno provenire da torbiere o ex torbiere, a meno che l'area non abbia dovuto essere drenata per produrre la biomassa. Per la biomassa proveniente da rifiuti o residui agricoli, compreso il letame e i liquami, devono essere stabiliti e rispettati piani di monitoraggio e gestione per evitare il degrado della qualità del suolo e dello stock di carbonio.

Certificazione, verifica e sistema di equilibrio di massa

.

C'è una disposizione transitoria per la certificazione richiesta per la verifica: la mancanza di verifica non impedisce una richiesta di remunerazione fino a quando la prova del rispetto di questi requisiti non può essere fornita solo perché la parte richiesta per la verifica è stata impossibilitata a presentare le prove pertinenti a causa della mancanza di sistemi di certificazione riconosciuti o la mancanza di disponibilità di revisori autorizzati. Anche questo regolamento è valido solo fino al 30.6.2022. Poiché la Commissione UE non ha ancora riconosciuto definitivamente alcun sistema di certificazione per i combustibili da biomassa (a partire dal 18.11.2021), è prevedibile che la grande maggioranza dei gestori di impianti sarà costretta a fare uso di questo regolamento transitorio.

Per gli impianti di cogenerazione e di biogas, la prova all'operatore della rete è fornita da certificati elettronici di sostenibilità, che devono essere emessi dall'operatore stesso dell'impianto; sono emessi nel database BLE (Nabisy). Il prerequisito per il rilascio dei certificati di sostenibilità è la certificazione dell'operatore dell'impianto. Anche gli intermediari che comprano la biomassa dagli impianti di produzione devono essere certificati. Anche se gli stessi stabilimenti di produzione e altri intermediari non devono essere certificati, l'operatore dell'impianto deve obbligare tutti gli stabilimenti di produzione e gli intermediari non certificati a soddisfare i requisiti del sistema di certificazione.

Inoltre, l'operatore dell'impianto deve certificare la biomassa degli stabilimenti di produzione.

Inoltre, gli operatori degli impianti e gli intermediari devono utilizzare un sistema di bilancio di massa. I sistemi di bilancio di massa sono database interni o esterni progettati per documentare completamente l'origine della biomassa in tutte le fasi della produzione e della consegna. I sistemi di bilancio di massa permettono di mescolare biomassa sostenibile e non sostenibile e di ri-dichiarare la biomassa presa dalla miscela come biomassa sostenibile. Tuttavia, si deve garantire che non venga rimossa dalla miscela una quantità di biomassa dichiarata come sostenibile superiore a quella precedentemente aggiunta alla biomassa sostenibile.

Cosa cercare in particolare

.

Siccome i requisiti di sostenibilità si applicano alla biomassa usata per la produzione di elettricità a partire dal 1.1.2022, non è sufficiente prestare attenzione alla sostenibilità solo per le future consegne di biomassa. Anche per la biomassa che è già stata consegnata e immagazzinata presso il gestore dell'impianto a cavallo dell'anno, si deve determinare se i requisiti per la biomassa forestale o agricola sono soddisfatti. Inoltre, la certificazione retroattiva di questi stock è necessaria a questo scopo. Prima di incaricare l'organismo di certificazione, bisogna quindi chiarire se il sistema di certificazione utilizzato permette una certificazione retroattiva. Se si scopre che c'è biomassa non sostenibile nel deposito o nel silo di guida, una quota corrispondente dovrebbe essere venduta o altrimenti utilizzata nel quadro del bilanciamento della massa.

Nuovi requisiti si applicano anche ai biocarburanti liquidi, in particolare per la verifica dei risparmi di gas serra. Il BLE presume addirittura che i requisiti della direttiva europea sulle energie rinnovabili (RED II) si applichino già direttamente dal 1.7.2021 e debbano essere rispettati. Questo significa "nuovo territorio" non solo per la biomassa solida e gassosa. Visti i tempi stretti, è il momento di rimboccarsi le maniche!

Persone di contatto: Dr. Martin Altrock, Jens Vollprecht, Micha Klewar

PS: Se sei interessato a questo argomento, dai un'occhiata qui

.
Condividi questo articolo:

Articoli simili: