Finalmente cambiano le normative grazie all'emandamento TKG

Germania Emendamento Tkg

Il 1° dicembre 2021 in Germania entrerà in vigore la nuova legge sulle telecomunicazioni (TKG). Oltre a norme più severe per la protezione dei clienti, la TKG porterà con sé "più" regolamentazione.

Regolamentazione estesa dell'accesso e abolizione del "privilegio dei costi accessori" come percorso verso l'accesso aperto

Secondo i requisiti europei, le norme generali di accesso già esistenti sono state adattate e sostanzialmente ampliate nei §§ da 20 a 23 della TKG n.F.. In questo contesto, la possibilità dell'Agenzia federale delle reti (BNetzA) di obbligare un'impresa a fornire l'accesso alla rete o l'interconnessione non è più in futuro necessariamente legata al significativo potere di mercato dell'impresa. La strada è quindi chiara per una regolamentazione di prospettiva non solo di Telekom Deutschland GmbH, ma anche dei suoi concorrenti ad accesso aperto. Tuttavia, le aziende dovrebbero prima trovare una soluzione bilaterale (per esempio, cooperazione o coinvestimento) prima che la BNetzA possa intervenire. Resta da vedere, tuttavia, come la BNetzA stessa affronterà la nuova competenza.

Anche la ripartizione dei costi d'esercizio dell'infrastruttura di rete interna sta cambiando radicalmente con la modifica della TKG, con l'obiettivo di andare verso l'accesso aperto. Questo ha delle conseguenze per il cosiddetto privilegio dei costi accessori, cioè la ripartibilità dei costi per la creazione di un collegamento domestico e della rete dell'edificio. Secondo l'ordinanza sui costi d'esercizio (BetrKV), anche i costi d'investimento per una rete di edifici (il cablaggio interno) sono in linea di principio ripartibili. Per tutte le reti di edifici (coassiali, in rame o in fibra ottica) costruite entro il 1.12.2021, fino al 30.6.2024 continuano ad applicarsi i precedenti criteri di ripartizione. Per gli impianti di nuova costruzione, i costi d'investimento possono essere rifinanziati solo attraverso i costi accessori di locazione secondo le disposizioni del § 72 TKG n.F. (tassa di messa a disposizione della fibra ottica). Le tasse sono limitate nell'importo e possono essere addebitate solo a certe condizioni. I concorrenti devono avere libero accesso (open access) in modo che gli inquilini possano scegliere liberamente tra i fornitori. Ma ci sono anche altri modi per rifinanziare i costi del cablaggio interno, sempre a seconda del singolo caso.

Migrazione Telecom dal rame al vetro: BNetzA ri-regola l'ultimo miglio

L'11.10.2021, la BNetzA ha pubblicato il suo progetto di decisione sulle condizioni quadro alle quali le imprese di telecomunicazioni avranno accesso alla rete locale della Telekom, il cosiddetto "ultimo miglio", nei prossimi anni. Le parti interessate possono presentare commenti scritti entro il 15.11.2021

.

La bozza prevede una "luce di regolazione" per le reti in fibra ottica. Le tasse pagate da altri fornitori di telecomunicazioni a Telekom per l'uso delle sue reti in fibra ottica e altre condizioni di utilizzo non saranno più controllate in anticipo, ma solo retroattivamente in caso di anomalie. In cambio, Telekom deve trattare allo stesso modo le sue vendite e i suoi concorrenti nell'uso delle reti in fibra ottica ("equivalenza di input"). Le reti in rame devono essere regolate come prima. La novità è che Telekom deve notificare la disattivazione dell'infrastruttura in rame in tempo utile e presentare piani di migrazione alla fibra. Questo è anche regolato nel § 34 TKG n.F.. Tuttavia, non ci sono specifiche su se e quando una migrazione deve avvenire. Ciò che sembra positivo in termini di accelerazione dell'introduzione della fibra ottica si regge o cade con un severo controllo da parte della BNetzA nel successivo esame di un possibile trattamento abusivo dei concorrenti da parte di Telekom, che ancora domina il mercato.

Diritto a internet veloce - servizio universale con l'aiuto di operatori di rete di pubblica utilità?

I servizi universali sono stati ampiamente regolati nei §§ 156 e seguenti. TKG n.F. completamente rinnovato. La comunicazione vocale e un "internet veloce per un'adeguata partecipazione sociale ed economica" hanno soppiantato il telefono a moneta e a scheda, il fax e i servizi di consultazione degli elenchi. Di conseguenza, gli utenti finali hanno diritto alla connessione alla rete e alla contrattazione. A questo proposito, il legislatore ha indicato che in questo contesto, anche tenendo conto del DigiNetzG, i gestori di reti di pubblica utilità potrebbero essere obbligati a connettersi alla rete, a condizione che nessun'altra azienda si impegni a fornire l'utente finale.

Le aziende municipali e gli operatori di rete potrebbero quindi essere presto co-obbligati a fornire servizi di base secondo la legge sulle telecomunicazioni.

Il "portale dei dati" come directory centrale dell'infrastruttura

Fino ad ora, molti gestori di reti elettriche e del gas conoscevano soprattutto l'atlante delle infrastrutture (§ 77a TKG) nella TKG. Ora sarà creato un nuovo "portale di dati" (§§ 78 a 86 TKG n.F.). A questo scopo, l'atlante delle infrastrutture sarà combinato con l'atlante della banda larga, che non era precedentemente ancorato nella legge, e con altri elementi che contiene (per esempio, informazioni sulle strutture portanti e sulle proprietà pubbliche). La BNetzA è già responsabile dell'atlante delle infrastrutture e ha già annunciato che aggiornerà i contratti esistenti sullo sfondo dell'emendamento della TKG. Sarà quindi presumibilmente anche responsabile del nuovo portale di dati, eventualmente in stretta collaborazione con il Ministero federale dei trasporti (BMVI). La misura in cui ha senso per le aziende municipali e gli operatori di rete concludere un nuovo contratto e se si possono considerare eccezioni alla pubblicazione dei dati dovrebbe essere sempre esaminata caso per caso.
Condividi questo articolo:

Articoli simili: