01 Novembre 2020

Carrefour toglie i bioshopper per l'ortofrutta e dice no agli sprechi

Anche la famosa catena francese Cerrefour toglie definitivamente i bioshopper di plastica dai banchi dell’ortofrutta e li sostituisce con quelli di carta certificata FSC (il cui costo è 0,09 centesimi) e con buste riutilizzabili di cotone (il cui costo è di 0,99). Ricordiamo, infatti, che anche Coop, per esempio, ha già eliminato da tempo la plastica trasparente dai sacchetti del pane in carta.

Zero Plastics Challenge

L’idea nasce in seguito alla campagna “Zero Plastics Challenge”, che ha come mission, tra le altre, quella di eliminare appunto i sacchetti sottili in biopolimero dai reparti dell’ortofrutta in quanto non riciclabili, nonostante realizzati con materie prime rinnovabili. Insomma, un gesto tutto green che aiuta a ridurre non solo gli sprechi, ma anche a salvaguardare il nostro Pianeta e i nostri amici animali.

Ma non è tutto. Lo scorso mese, era stato sostituito da cartone riciclabile al 100% tutto il monouso nei prodotti (a marchio Carrefour) per la scrittura e negli accessori per la scuola come penne a sfera, pennarelli, righelli, bastoncini adesivi e forbici.

I costi

Sacchetti di carta certificati FSC con finestrelle traslucide sempre in cellulosa 0,09 centesimi al pezzo.
Buste riutilizzabili di cotone 0,99 centesimi al pezzo.

L.F.

Carrefour toglie i bioshopper per l'ortofrutta e dice no agli sprechi

Le cose che non si devono mai buttare nella spazzatura


Autore:Lucia

Proseguendo la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Privacy Policy Ho capito