04 Ottobre 2021

ZeroWasteWeek: l'iniziativa green di GreenPeace

All'inizio del mese di Settembre Greenpeace ha designato #ZEROWASTEWEEK nel tentativo di motivare ognuno di noi a fare uno sforzo maggiore, per apportare cambiamenti al modo in cui viviamo riciclando di più, riutilizzando di più, ridisegnando gli oggetti, compostando la cucina rifiuti, rifiuto di imballaggi in plastica e plastica monouso e molto altro ancora.


Le autorità locali devono cercare, ed è tutt'altro che facile, di trovare un modo per facilitare l'aumento dal 40% al 90%idel riciclabile, risultato che si ottiene soltando in alcuni paesi europei; infatti sembriamo essere un po' indietro.

Sia gli inceneritori che le discariche cercano di seppellire le prove di uno stile di vita inaccettabile. I rifiuti sono anche una questione sociale. I rifiuti non sono rifiuti finché non sono sprecati.

Per quanto riguarda le discariche, l'obiettivo è di ridurli il più possibile attraverso una migliore separazione in casa per cominciare, per esempio, e non esportando tutta la nostra spazzatura all'estero per diventare inizialmente un problema di qualcun altro e poi un problema mondiale.

Sugli inceneritori (che devono essere alimentati, lasciando poco spazio alla coesistenza di soluzioni sostenibili) circa il 25% in peso dei rifiuti in ingresso viene lasciato sotto forma di cenere ed è spesso descritto come inerte. Ciò che di solito si intende con questo è che è biologicamente stabile e ciò che spesso è implicito è che non è tossico, il che non lo è.

È assodato che gli inceneritori producono emissioni nell'aria molto tossiche che includono diossine, composti diossina-simili e nanoparticelle, tra una lista molto lunga, che entrano nell'atmosfera. Sono un rischio per la salute, in particolare per i bambini, e se vogliamo rispettare i nostri impegni sulla qualità dell'aria, allora non dovrebbero esserci più inceneritori. Gli studi Zero Waste mostrano che l'incenerimento non è né ecologico né economicamente efficace.

Gli studi intitolati "The Zero Waste Solutions" del Prof. Paul Connett dove c'è una sezione sull'incenerimento apre gli occhi sulla possibilità di soluzioni reali e pratiche al problema dei rifiuti - e forse mostrandoci tutti una via da seguire e richiedendo un'azione da parte di tutti noi.

Paul è forse il maggiore esperto mondiale dei problemi e delle soluzioni della riduzione e del riutilizzo dei rifiuti e il suo libro e la sua saggezza contenuta dovrebbero diventare una lettura obbliatoria per poter lasciare questo mondo in uno stato idoneo per le generazioni future.

Rifiuti Zero non è solo riciclaggio

Innanzitutto, dobbiamo capire cos'è il movimento a rifiuti zero. Non si tratta solo di riciclaggio, è molto di più.

Il significato di zero waste si riferisce fondamentalmente ai rifiuti che le persone lasciano. In natura, nessun'altra specie crea rifiuti, ma gli esseri umani sono in grado di creare rifiuti che non si decompongono. E questo è pericoloso.

L'accumulo di rifiuti chimici può interrompere il ciclo naturale. Non era un grosso problema fino all'inizio della rivoluzione industriale. La spazzatura ha spazzato le strade causando odore, sporcizia e pandemia. Dalla seconda rivoluzione industriale, le persone hanno iniziato a raccogliere i rifiuti e trasportarli nelle discariche. E lì, abbiamo iniziato a bruciare i rifiuti. È scomparso, ma le sue emissioni di gas serra hanno avviato un processo molto pericoloso: il riscaldamento globale.

Oggi la spazzatura non è più nelle nostre strade, ma nelle nostre foreste, fiumi e mari.

Rifiuti zero non riguarda solo il riciclaggio e la riduzione della quantità di rifiuti bruciati. Si tratta di produrre meno rifiuti e di fare una raccolta differenziata. Si tratta addirittura di cambiare il processo produttivo: le fabbriche devono realizzare prodotti riutilizzabili.

Significato zero sprechi

Mantenere uno stile di vita a rifiuti zero
Per mantenere uno stile di vita a zero rifiuti, dobbiamo ridurre la nostra impronta ecologica. Naturalmente, sarebbe irreale aspettarsi che ogni prodotto serva il suo scopo per sempre. Ma dovremmo aspettarci che quel prodotto sia riutilizzabile. Questa è la responsabilità dei produttori.

Ma anche noi abbiamo le nostre responsabilità. E anche le aziende e i governi.

I governi e le aziende devono educare prima di tutto se stessi, poi i propri dipendenti, poi i propri clienti, ad agire nel rispetto dell'ambiente. Essere eco-friendly è un grande strumento di employer branding al giorno d'oggi.

Negozio e prodotti a zero rifiuti

Recentemente hanno iniziato ad aprire negozi a rifiuti zero. Le persone possono acquistare la spesa senza imballaggio, insieme a prodotti riutilizzabili e scomponibili. Possono riempire le loro lattine e borse con tutti questi beni.

È un grosso problema che usiamo troppi sacchetti di plastica quando andiamo a fare la spesa. Ogni volta usiamo un altro sacchetto di plastica per riporvi la nostra merce, in modo da rendere più facile portarla a casa. È sbagliato: prova ad andare nei negozi a rifiuti zero.

Gestione dei rifiuti: soluzione zero rifiuti
Quali sono le soluzioni? Ti daremo alcuni consigli.

Il tuo telefono è rotto? Risolvilo, non comprarne uno nuovo. La diffusione della consegna a domicilio ha reso tutto facilmente accessibile. Se qualcosa è rotto, ne compriamo uno nuovo con pochi clic su Internet. Pertanto, generiamo rifiuti inutilmente, perché il prodotto potrebbe essere riparato.

I beni di seconda mano non sono necessariamente cattivi. Puoi acquistare prodotti usati. Ad esempio, la maggior parte delle aziende si libera del pc dei propri dipendenti dopo qualche anno, anche se funziona perfettamente. I prodotti di seconda mano sono più economici e possono essere utili.

Riutilizzare. Non buttare via tutto. Organizza omaggi.

zerowasteweek

Bottiglia ecologica: un passo verso un mondo migliore


Autore:Giorgia

Proseguendo la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Privacy Policy Ho capito