11 Agosto 2016

Veneto Banca, stop agli sprechi che hanno contribuito alla crisi

La nuova gestione di Veneto Banca, influenzata dal decisivo intervento di Fondo Atlante, dovrà  abbandonare tutti i lussi e tutti gli sprechi che hanno contraddistinto il passato. Parola di Alessandro Penati, numero 1 del fondo di "salvataggio", che ha deciso di inviare un messaggio chiaro ad azionisti e a clienti nel giorno dell'assemblea dell'istituto di credito.

Più nel dettaglio, Penati ha ricordato pubblicamente come Atlante "affida il potere di gestione e di controllo al nuovo cda, che ha l'obiettivo prioritario di rilanciare e valorizzare la banca. Verranno eliminati tutti i lussi e gli sprechi del passato e sarà  imperativo ritornare a una redditività  sostenibile con crescita dei ricavi, taglio dei costi e una produttività  in linea con i migliori concorrenti, perchè è solo tornando a generare capitale che la banca continuerà  a essere solida e potrà  finanziare clienti e imprese con rapidità  ed efficienza".

Alla luce di ciò, prosegue poi Penato, viene auspicato che "venga rivisto il piano industriale della banca, senza scartare alcuna ipotesi. Saremo aperti a eventuali partnership finanziarie e industriali purchè sulla base di reali apporti di capitale e di know-how per lo sviluppo e pronti a valutare, una volta avviata inequivocabilmente l'opera di ristrutturazione e rilancio e fatta chiarezza sui costi pregressi, ipotesi di quotazione o di fusione con altre banche, a patto che siano nell'interesse di tutti gli stakeholder".

Naturalmente, non basterà  questa promessa per poter permettere agli azionisti di recuperare la fiducia perduta nell'istituto di credito. Si tratta tuttavia di un buon inizio, al quale seguiranno altre iniziative.

veneto banca

Alitalia, oltre un milione al giorno sprecato negli ultimi due anni


Autore:Roberto

Proseguendo la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Privacy Policy Ho capito