02 Ottobre 2019

Sprechi pubblici, 'non tollerabili' per la Corte dei Conti

Secondo quanto affermato poche ore fa da Angelo Buscema, presidente della Corte dei Conti, gli sprechi e le inefficienze nel settore pubblico non sono tollerabili, e “dare la colpa ai nostri controlli se Comuni e Regioni hanno problemi è come rimproverare il termometro perché misura la febbre”.

Buscema, parlando in un recente evento, ha precisato che occorre incoraggiare i pagamenti elettronici quale strumento di lotta all’evasione fiscale, ma che non è questo, in realtà, lo strumento più utile, considerato che – si legge nelle sue dichiarazioni – “aiuterebbe l'anagrafe dei rapporti finanziari, istituita ma poco usata dall'amministrazione fiscale", senza prescindere dalle 'manette agli evasori' per i reati più gravi (fatture false, frode fiscale), ma "serve solo se ha effetti di deterrenza. Il che dipende dalla velocità dei processi, non dall'inasprimento delle pene sulla carta”.

In aggiunta a quanto sopra, il presidente della Corte dei Conti ha invitato a risanare il debito e spingere sugli investimenti pubblici, “vero volano della ripresa economica, rivestono un valore prioritario per il nostro interesse nazionale, anche al fine di garantire adeguate prospettive e condizioni di crescita economica e sociale alle future generazioni”. Ha poi concluso sottolineando come sprechi e inefficienze nel settore pubblico non siano tollerabili, auspicando così un maggiore intervento in tal senso.

corte dei conti

Le cose che non si devono mai buttare nella spazzatura


Autore:Roberto

Proseguendo la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Privacy Policy Ho capito