22 Settembre 2021

Minare i bitcoin inquina e produce tonnellate di rifiuti

Minare i Bitcoin produce tonnellate di rifiuti elettronici

Minare i bitcoin produce annualmente rifiuti elettronici paragonabili ai piccoli rifiuti di apparecchiature informatiche di un intero piccolo stato come i Paesi Bassi, secondo una ricerca.

I minatori della criptovaluta producono ogni anno 30.700 tonnellate di rifiuti elettronici, stimano Alex de Vries e Christian Stoll.

Questi studiosi stimano che viene prodotta all'incirca una media di 272 g per transazione. In confronto, un iPhone 13 pesa 173 g.

I minatori guadagnano denaro creando nuovi Bitcoin, ma i computer utilizzati consumano grandi quantità di energia.

Controllano le transazioni Bitcoin in cambio dell'opportunità di acquisire la valuta digitale.

L'attenzione è stata focalizzata sull'elettricità che questo consuma - attualmente più delle Filippine - e sull'inquinamento da gas serra che ne deriva.

Ma poiché i computer utilizzati per minare i Bitcoin diventano obsoleti, tutta questa attività genera anche molti rifiuti elettronici.

I ricercatori stimano che questi computer o dispositivi adibiti alla ricerca dei Bitcoin abbiano una durata media di soli 1,29 anni, dopodichè vengono letteralmente "cestinati".

Di conseguenza, la quantità di rifiuti elettronici prodotti è paragonabile ai rifiuti di "piccole apparecchiature informatiche e di telecomunicazione" di un paese come hanno affermato i ricercatori olandesi, una categoria che include telefoni cellulari, personal computer, stampanti e telefoni.

Guida all'efficienza

Poiché l'elettricità è un costo chiave per i minatori di Bitcoin, hanno cercato processori sempre più efficienti.

Ciò ha visto il passaggio a chip altamente specializzati chiamati circuiti integrati specifici per le applicazioni (ASIC).

Ma gli ASIC sono così specializzati che quando diventano obsoleti, non possono essere "riutilizzati per un'altra attività o anche per un altro tipo di algoritmo di mining di criptovaluta".

Ma mentre i chip non possono essere riutilizzati, gran parte del peso delle attrezzature minerarie Bitcoin è costituito da componenti come "involucri metallici e dissipatori di calore in alluminio" che potrebbero essere riciclati.

A livello globale, poco più del 17% di tutti i rifiuti elettronici viene riciclato. Tuttavia, il numero è probabilmente inferiore in alcuni dei paesi in cui ha sede la maggior parte dei minatori, dove in molti casi anche le normative sui rifiuti elettronici sono carenti.

Carenza di chip

Molte industrie stanno lottando con una carenza globale di chip.

Oltre a produrre grandi quantità di rifiuti elettronici, i ricercatori sostengono che "il ciclo rapido di milioni di dispositivi minerari può interrompere la catena di approvvigionamento globale di vari altri dispositivi elettronici".

Suggeriscono che una soluzione al problema dei rifiuti elettronici sarebbe che Bitcoin cambi il modo in cui le transazioni vengono verificate, in un sistema diverso e meno intensivo di calcolo.

minare i bitcoin inquina

Sprechi di energia, è (anche) colpa dei bitcoin


Autore:Giorgia

Proseguendo la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Privacy Policy Ho capito