14 Marzo 2019

Sicilia aderisce a M'illumino di meno contro lo spreco

Anche la Sicilia aderisce all’iniziativa simbolica “M’illumino di meno”, un progetto ideato nel 2005 da Caterpillar e Rai Radio2 per sensibilizzare i siciliani a un tema molto importante quale lo spreco energetico.

Hanno abbracciato l’iniziativa diverse strutture, come il museo e le aree archeologiche siciliane: il Teatro Antico e l’Anfiteatro romano di Catania, il Teatro e il Tempio di Segesta, il Museo di Messina, Palazzo Riso a Palermo, il Paolo Orsi di Siracusa, il Parco archeologico di Naxos.
L’evento si è svolto precisamente venerdì 1° marzo 2019 ed è stato Patrocinato dalla Presidenza della Regione Siciliana, dal Presidente dell'Assemblea Regionale Siciliana e promosso dall'Assessorato Regionale dell'Energia e dei Servizi di Pubblica Utilità.

M’illumino di meno

Spegnere tutte le luci (abitazioni, uffici e aziende) per circa 3 minuti porterebbe, nella sola Isola, un risparmio a proposito di 12,3 megawattora di energia elettrica. Ciò significherebbe risparmiare oltre che evitare di bruciare l’equivalente di 2,3 ton di petrolio immettendo nell’atmosfera più o meno 5,7 ton di CO2.
L'imperativo, quindi, è sprecare di meno e riutilizzare al meglio i materiali. Perché le risorse finiscono, ma tutto può rigenerarsi: le bottiglie dell'acqua si possono trasformare in splendidi pullover, la carta dei giornali può ritornare carta dei giornali, una cornetta del telefono può diventare magicamente una perfetta lampada designer.

Lucia Franco

Sicilia aderisce a M'illumino di meno contro lo spreco

20 consigli per risparmiare acqua in casa


Autore:Lucia

Proseguendo la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Privacy Policy Ho capito