28 Luglio 2020

RecycleSmart: app italiana per il riciclo che sbarca in Australia

Rivoluzionare i rifiuti. Guidare un cambiamento positivo. Avere un impatto: questi sono i principi fondamentali che hanno guidato Giorgio Baracchi e Marco Prayer Galletti, due giovani imprenditori italiani che vivono da anni in Australia, nella creazione dell’app a favore del riciclo.

RecycleSmart ha cambiato le abitudini degli australiani grazie ad un riciclo intelligente, conveniente e affidabile. Come? Rivoluzionando la gestione dei rifiuti sia all’interno delle famiglia sia nelle aziende.

Come funziona l’app

RecycleSmart rappresenta al momento il database di riciclo più ampio in Australia, in grado di fornire informazioni su come riciclare. È possibile selezionare le diverse categorie di ricerca, per esempio plastica, vetro, batterie o articoli per la casa; una volta scelta la categoria di interesse l’app indicherà i contenitori giusti nei quali va gettato il materiale in modo da poter riciclare in totale sicurezza.

I principi alla base degli obiettivi

L'Australia dal punto di vista del riciclo, ha ancora molto da imparare: il 20% dei rifiuti non viene smistato bene accumulando diversi generi tra loro in un unico bidone, mentre un buon 70% dei rifiuti riciclati finisce in discarica. Risultano poche le amministrazioni che raccolgono in maniera separata la plastica, il metallo e il vetro. I due ragazzi italiani si muovono proprio su questa onda cercando di cambiare le abitudini di riciclo nel Paese che li sta ospitando.

L’applicazione nasce proprio per questo motivo: attuare una soluzione che vede ridurre la quantità di materiali che possono essere riciclati finire nella discarica, con delle modalità semplici ed economiche.

Affermano che: “Collaboriamo con le amministrazioni locali per trovare la soluzione più efficace ai loro problemi di riciclo. Quindi ci rivolgiamo alla comunità, facilitando il processo di raccolta e selezione dei rifiuti riciclabili indicando loro i raccoglitori giusti dei materiali di scarto, in modo che possano essere riciclati responsabilmente.”

Oltre ai consigli: il ritiro a domicilio

I consigli aiutano a ridurre l’ambiguità che c’è attorno al modo di smistare correttamente i rifiuti destinati al riciclo. È prevista anche l’opzione del ritiro: basta prenotarlo faranno in modo che rimanga fuori dalla discarica e vada al corretto impianto di riciclaggio.

“La nostra app educativa e il comodo servizio PickUp rimuovono la seccatura e l'ambiguità che circondano il mondo del riciclo, rendendo più facile a tutti noi fare la nostra parte nel preservare l'ambiente. Aiutiamo le persone a riciclare materiali come plastica morbida, indumenti, rifiuti elettronici e materiale di scarto. Siamo impegnati nel recupero delle risorse e siamo sempre alla ricerca di nuovi modi per migliorare il nostro servizio e soddisfare al meglio le esigenze delle comunità.”

RecycleSmart

Le cose che non si devono mai buttare nella spazzatura


Autore:Valentina

Proseguendo la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Privacy Policy Ho capito