L'EPA vuole aggiustare il riciclaggio americano. Comincia col renderlo più semplice.

Ricilaggio Americano

Geoff Freeman è presidente e amministratore delegato della Consumer Brands Association, l'associazione nazionale di categoria dei beni di consumo confezionati.

Questa settimana ha segnato il 24° anno dell'America Recycles Day. È un giorno che dovrebbe celebrare il progresso, ma in più di due decenni dal suo inizio, il tasso di riciclaggio è solo del 32% oggi ed era in declino negli anni recenti.

Nonostante il basso tasso, il riciclaggio è qualcosa a cui gli americani tengono - e segnano la sua importanza come un 8.3 su una scala di 10 punti. Quindi cosa li trattiene?

Considera i cerchi che i consumatori devono superare per determinare cosa è riciclabile nella contea di Fairfax, Virginia, per esempio. Ci sono 16 aziende private che gestiscono la raccolta residenziale oltre alla contea stessa. Per determinare cosa può essere riciclato, la contea può solo offrire linee guida generali, dicendo ai residenti che devono raggiungere il loro particolare trasportatore per le specifiche. Questo lascia più di una dozzina di possibilità all'interno di una contea.

I residenti della contea di Fairfax non sono soli. Ci sono più di 9.800 sistemi di riciclaggio in tutti gli Stati Uniti che hanno le loro regole. Tutto, dal materiale di cui è fatto un pacco a dove si vive - regole statali, di contea o comunali, persino quale mese è - possono tutti avere un ruolo nel determinare se l'imballaggio finirà nel cestino o nel bidone della spazzatura. Un recente sondaggio di Consumer Brands/Ipsos ha rilevato che il 71% degli intervistati ritiene che l'enorme numero di sistemi crei confusione e il 65% crede che le regole di riciclaggio dovrebbero essere le stesse a livello nazionale.

I problemi con il riciclaggio hanno bisogno di un'attenzione federale coordinata. E all'inizio di questa settimana, ne hanno avuta un po' quando l'EPA ha rilasciato il suo tanto atteso anticipato National Recycling Strategy (che denota come "Parte prima di una serie sulla costruzione di un'economia circolare per tutti"). La strategia è un passo positivo verso il riconoscimento della necessità di definizioni standardizzate, ma è solo un primo passo. Ciò che accadrà con l'implementazione della strategia dell'EPA determinerà il suo valore.

Il rilascio dell'EPA si basa sullo slancio del Congresso, dove membri come il Sens. Tom Carper, D-Del., e John Boozman, R-Ark. Frank Pallone, D-N.J., e Haley Stevens, D-Mich, si sono concentrati sulla riparazione del sistema di riciclaggio rotto. Spetta alle parti interessate al riciclaggio sostenere lo slancio e trasformarlo in un cambiamento significativo.

Quando la leadership federale si muove ulteriormente per implementare la strategia dell'EPA e avanzare soluzioni legislative, Consumer Brands raccomanda quanto segue:

  1. Guardare la questione in modo olistico e realistico. L'inquinamento da plastica e rifiuti è un problema globale che non ha una sola soluzione. La Ellen MacArthur Foundation stima che il 20% del packaging potrebbe essere sostituito da opzioni riutilizzabili e ricaricabili. Rimuovere un quinto degli imballaggi monouso dal flusso dei rifiuti avrebbe un impatto significativo, ma lascerebbe ancora l'80% del problema che necessita di un sistema di riciclaggio che funzioni.
  2. Standardizzare le definizioni per sbloccare il potenziale del riciclaggio. Immaginate che vi venga detto di preparare una valigia senza conoscere la destinazione. Alcuni degli oggetti nella valigia potrebbero funzionare, ma alcuni rimarranno inutilizzati perché il suo contenuto è solo un'ipotesi educata. Questo è il riciclaggio oggi - un'ipotesi educata senza una struttura coerente. L'uniformità è la via per creare quel sistema. Stabilire definizioni standardizzate permetterebbe di progettare meglio gli imballaggi, di aggiornare in modo intelligente le infrastrutture e la tecnologia, di educare i consumatori in modo coerente per ridurre la contaminazione e di ottenere finanziamenti mirati che ottengono risultati.
  3. Fondare le soluzioni (e rendersi conto che il finanziamento non è la soluzione). Riparare il sistema di riciclaggio rotto dell'America sarà costoso da fare nel modo giusto. E l'industria dei beni di consumo confezionati - i produttori di alimenti, bevande, prodotti per la pulizia e la cura personale che tipicamente vengono in confezioni monouso - si sta assumendo la responsabilità del suo ruolo nel problema ed è disposta a contribuire a pagare per i miglioramenti. Ma i passi critici di cui sopra sono troppo spesso trascurati nella fretta di capire chi paga il conto. Dobbiamo essere sicuri di finanziare le soluzioni e non dare per scontato che il finanziamento ci porterà alla soluzione.

"Non possiamo accettare un tasso di riciclaggio in stallo come nostro destino e non possiamo aspettarci risultati se non sistemiamo ciò che è rotto. Stabilire l'uniformità sbloccherà il potenziale del riciclaggio per avere un maggiore impatto ambientale. "

Condividi questo articolo:

Articoli simili: