07 Giugno 2016

Sprechi alimentari, ecco l'interessante esempio di Hard Rock Cafè

A Londra l'Hard Rock Cafè, appartenente alla nota catena di locali, è riuscito a ridurre i costi di smaltimenti di rifiuti alimentari, e le emissioni nocive, grazie all'installazione di uno speciale impianto di digestione aerobica. Un'innovazione talmente importante per l'economia del locale e della zona, che ha permesso di ridurre i costi di smaltimento dei rifiuti alimentari addirittura del 56 per cento, e di ridurre le emissioni di carbonio di 9,7 tonnellate.

Il merito di tali passi in avanti è ascrivibile a un particolare macchinario prodotto dall'azienda statunitense BioHiTech, in grado di eliminare fino a 2.500 chili di scarti alimentari al giorno senza utilizzare le "tradizionali" sostanze chimiche, dannose per l'ambiente, bensì mediante la digestione aerobica: numerosi micro organismi che "demoliscono" la sostanza organica senza che sia necessario produrre alcun gas combustibile.

Il macchinario può dunque convertire in maniera ecologica il cibo di scarto in acque grigie, da trasportare mediante le linee fognarie.

"Temevamo che questa tecnologia magica non avrebbe mantenuto le promesse – ha rivelato Andrew Noone, direttore generale dell’Hard Rock Café di Londra, con dichiarazioni riportate da LifeGate – invece ha soddisfatto le aspettative. In alcuni giorni vi gettiamo oltre trecento chili di scarti e lui mangia tutto, trasformandolo in acqua che poi scorre semplicemente via attraverso lo scarico".

Insomma, un bel passo in avanti nel contenimento delle emissioni e dei costi, che per Hard Rock Cafè potrebbe altresì voler significare espandere tale innovazione anche ad altri punti vendita della propria catena, presente in tutti i mercati mondiali. Per BioHiTech, la società che ha prodotto l'impianto, un ulteriore segno di riconoscimento: la società ha aperto lo scorso ottobre la sua sede europea, a Londra, ed ha ricevuto la certificazione per la gestione dei rifiuti Carbon Trust.

hard rock cafè

Quanto ci costa lo spreco alimentare


Autore:Roberto