03 Maggio 2016

Politica anti-sprechi risparmia 60 mila quintali di latte

Stando a quanto annuncia in una nota il ministero delle Politiche agricole, sono circa 60 mila i quintali di latte che potranno essere distribuiti agli indigenti grazie a un nuovo modello di intervento che ha previsto l’acquisto solidale di latte crudo da trasformare in Uht (a lunga conservazione) per ridurre gli sprechi potenziali del settore a seguito della fine delle quote latte.

A stabilire quanto sopra è stato il "Tavolo permanente di coordinamento del Fondo nazionale indigenti", dal cui incontro è emersa la possibilità – ha dichiarato il ministro Maurizio Martina – di “sperimentare per la prima volta un modello di intervento che sarà rafforzato con uno stanziamento che raggiungerà complessivamente i 10 milioni di euro per un equivalente di 300 mila quintali di latte”.

“Con le azioni stabilite oggi - ha poi sottolineato il ministro Maurizio Martina all’Ansa- viene confermata ancora una volta l'operatività del nostro Tavolo indigenti come vero e proprio laboratorio di costruzione di buone pratiche contro lo spreco alimentare e a favore degli indigenti. Abbiamo un modello unico in Europa e anche la decisione di oggi lo dimostra. Il settore lattiero sta vivendo ore molte complicate e per questo è necessario un intervento mirato a impedire che il latte venga sprecato o buttato”.

Infine, ha invece commentato il vice ministro Andrea Olivero – “il recupero degli sprechi alimentari - ha commentato il vice ministro Andrea Olivero - e la loro destinazione al sostegno agli indigenti è una nostra priorità. Davanti alle immagini del latte sversato nei liquami perché non aveva acquirenti non potevamo rimanere fermi. Abbiamo fatto una proposta innovativa che è stata accolta con favore e che può diventare una pratica da ripetere. Salvare il cibo e assistere chi ne ha bisogno è un nostro dovere prima di tutto etico. Il nostro impegno in questo senso sarà sempre massimo”.

latte

Sprechi alimentari, dal governo nuovi obiettivi


Autore:Roberto