14 Giugno 2019

Ristoranti e bar plastic free? Anche in Italia si può

Dire basta alla plastica monouso è già possibile. A rivelarlo è un’indagine condotta dai volontari di Greenpeace in 162 bar e ristoranti situati nelle 10 città principali: Bari, Bologna, Firenze, Udine, Napoli, Milano, Palermo, Torino, Pisa e Padova.

Dall’indagine è emerso, infatti, che il 95% dei gestori non utilizza più piatti in plastica monouso, il 77% impiega agitatori per cocktail in acciaio, il 58% non utilizza posate in plastica e il 13% da in dotazione cannucce in acciaio lavabili e quinidi riutilizzabili.

Ma quali sono questi locali? Sono quei locali che hanno già adottato una strategia “rifiuti zero”, come il caso di Lortica a Bologna la quale, oltre a dare la possibilità ai clienti di riempire in manieta totalmente fratis le proprie borracce per l’acqua, acquista per la maggior parte prodotti alimentari sfusi, diminuendo al minimo il ricorso al packaging.

Sicuramente geniale è l'idea del locale Sabir di Palermo che ha invece sostituito le cannucce in plastica monouso con quelle in rame, che possono essere lavate e riutilizzate un'infinità di volte.

Se da un lato molti ristoratori hanno deciso di dire addio alla plastica monouso, è però doveroso mettere in evidenza come, nel corso dell’indagine, siano emerse anche numerose realtà negative, soprattutto riguardo le bottiglie in plastica usa e getta per l'acqua minerale. Difatti, si parla di attività che utilizzano ancora la plastica monouso dappertutto e la cui sensibilità a tematiche come l'ambiente è pari a zero.

Lucia Franco

Ristoranti e bar plastic free? Anche in Italia si può

Estate 2019: la Puglia dice no alla plastica nei lidi


Autore:Lucia

Proseguendo la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Privacy Policy Ho capito