15 Gennaio 2019

L'App dei vicini, un nuovo modo per evitare gli sprechi

Si può migliorare il proprio quartiere con l’aiuto dei vicini? Oggi si può, anche grazie alla tecnologia e ad un’innovativa App. Come? È semplice. È possibile mettere in campo la propria solidarietà a portata di un click. In poche parole è possibile mettere in rete gli avanzi del pranzo o della sera per diminuire lo spreco di cibo, la mobilità condivisa in aiuto dei disabili, offrire assistenza visiva ai non vedenti, raccogliere fondi per una causa suoi principali canali social.

Insomma, una vera e propria “piazza digitale" che permette di pianificare differenti iniziative, dal trovare una babysitter a discutere di progetti nuovi per migliorare la vita di quartiere.

L’App in questione si chiama “Avanzi Popolo 2.0”, premiata dal Presidente Mattarella. La piattaforma consente di mettere in rete gli avanzi e dare la possibilità a chi ha bisogno e non ha nulla da mangiare di attingere senza alcuna vergogna.

A seguire vi è poi “Moby”, la prima iniziativa di mobilità condivisa in aiuta dei disabili e l’App “Be My App” attraverso la quale i volontari possono fornire gratuitamente assistenza ai non vedenti. Per concludere, la rete di solidarietà prosegue anche sui social. Pensiamo a Facebook, attualmente uno dei principali canali social. In soli 3 anni questa piattaforma ha raccolto 1 mld di dollari in raccolte fondi. Nel nostro Paese hanno utilizzato questo mezzo l'AIL (Associazione italiana contro le leucemie), Emergency, l'AISM (Associazione italiana sclerosi multipla), l'ENPA (Ente nazionale protezione animali) e Save the children Italia.

Lucia Franco

L'App dei vicini, un nuovo modo per evitare gli sprechi

Plastica: in Italia beviamo 8,4 mld di bottiglie di plastica


Autore:Lucia

Proseguendo la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Privacy Policy Ho capito